Una stazione di decompressione e misura del gas a Pomy, sopra Yverdon (keystone)

"Un'incertezza senza precedenti"

L'approvvigionamento energetico meno sicuro rispetto al passato preoccupa, svizzeri esortati al risparmio

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"C'è un livello di incertezza senza precedenti in Europa" sull'approvvigionamento energetico, ha affermato mercoledì Benoît Revaz, direttore dell'Ufficio federale dell'energia (UFE). I prezzi sono fortemente influenzati dalla guerra in Ucraina e la Svizzera non è risparmiata.

Anche se l'approvvigionamento è attualmente garantito, a causa del conflitto e della siccità attuale in futuro la corrente potrebbe scarseggiare, secondo la Commissione federale dell'energia elettrica (ElCom). Il livello di riempimento dei laghi artificiali si situa nella mediana pluriennale. Tuttavia, a causa dello scioglimento anticipato dei ghiacciai e dell'ondata di caldo è probabile che quest'anno l'alimentazione da parte degli affluenti sarà inferiore, ha detto il diretto Urs Meister.

Dagli esperti consigli e inviti per ridurre i consumi
Dagli esperti consigli e inviti per ridurre i consumi (keystone)

  Nel corso di una conferenza stampa a Berna, Revaz ha evidenziato in dettaglio i vari ambiti in cui la Confederazione sta lavorando per garantire le forniture il prossimo inverno. Oltre al paracadute di emergenza per le società energetiche, che deve ancora essere adottato dal Parlamento, ha inoltre citato una campagna per sensibilizzare l'opinione pubblica sul risparmio energetico. Una piattaforma ad hoc sarà disponibile alla fine di agosto.

Intervista a Mister energia

Intervista a Mister energia

TG 20 di mercoledì 20.07.2022

 

Il funzionario ha ricordato che è in corso la negoziazione di un accordo di solidarietà con la Germania sulla fornitura di gas e che in questo ambito stanno per iniziare le discussioni con l'Italia. La Confederazione collabora anche con gli operatori del gas per garantire le riserve per l'inverno. Trattative sono in corso pure nel settore idraulico.

Come risparmiare energia

Bastian Schwark, responsabile del settore Energia dell'Ufficio federale per l'approvvigionamento economico del paese (UFAE)  pensa che gli appelli al risparmio potrebbero tradursi in una riduzione del consumo di gas in Svizzera di circa il 5%.

Stando a Michael Frank, direttore dell'Associazione delle aziende elettriche svizzere (VSE), "ogni chilowattora risparmiato conta, non solo quello prodotto ma anche quello consumato". A suo dire, la popolazione può risparmiare elettricità riducendo ad esempio il consumo di acqua calda o riscaldando meno a partire dall'autunno.

 
ATS/EnCa/pon
Condividi