La centrale nucleare di Beznau
La centrale nucleare di Beznau (Keystone)

Uranio russo ancora per anni

Se Axpo dovesse rescindere i contratti di fornitura dovrebbe far fronte a una causa milionaria

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I contratti di fornitura di uranio russo ad Axpo saranno rispettati fino alla scadenza. In caso di rescissione anticipata la società, che gestisce le centrali nucleari di Beznau e Leibstadt, dovrebbe fare fronte a una causa milionaria.

Centrali a uranio russo

Centrali a uranio russo

TG 12:30 di giovedì 31.03.2022

 

Il contratto con Rosatom per Leibstadt scadrà nel 2025 e quello per Beznau nel 2030. Se l'accordo dovesse essere rotto unilateralmente, l'azienda si troverebbe  dover pagare tra i 150 e i 200 milioni di franchi, secondo quanto riferito dalle testate Tamedia. Cifre sulle quali l'azienda non si è voluta esprimere.

Secondo Axpo le riserve di combustibile nucleare sarebbero comunque sufficienti per alimentare le centrali ancora per diversi anni anche in caso di un blocco immediato delle forniture.

ATS/sf
Condividi