Vent'anni in Kosovo

Un contingente dell'esercito svizzero è presente nel paese dal 1999 ma il rinnovo della missione non è scontato

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Negli ultimi vent'anni, 650 donne e 8'500 uomini hanno prestato servizio per Swisscoy in Kosovo. I primi 160 militari, schierati nell'ottobre del 1999, erano impiegati a supporto delle altre truppe della KFOR. Dal 2002, con l'arrivo del primo contingente armato, i soldati hanno preso parte a pattugliamenti, sorveglianza e messa in sicurezza. Dieci anni più tardi il contingente armato fu ritirato e Swisscoy si è concentrata su operazioni di monitoraggio, trasporto di materiale e sminamento.

Una presenza apprezzata dalla popolazione, secondo chi è stato sul terreno. La missione però, secondo Albert A. Stahel, già professore di studi strategici all'Università di Zurigo, ha però perso di importanza e le truppe potrebbero essere ritirate senza conseguenze dal profilo militare.

Il Parlamento elvetico dovrà decidere l'anno prossimo se rinnovare la missione. Le reticenze sul rinnovo non mancano a destra come a sinistra e i Verdi, che hanno conquistato un ruolo maggiore al Nazionale, sono di principio contrari alle missioni militari all'estero.

ATS/sf
Condividi