Foto d'archivio
Foto d'archivio (rescue media)

Accoltellatore alla sbarra

Il 23 febbraio si terrà il processo al 38enne iracheno che in luglio ferì un connazionale. Rischia più di cinque anni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si aprirà il 23 febbraio il processo contro il richiedente l’asilo iracheno che il 20 luglio scorso, davanti al supermercato Aldi di Pregassona, accoltellò un connazionale, provocandogli un profondo taglio al viso e ferendolo in varie parti del corpo.

Alle Assise Criminali l’uomo, tuttora in carcere, dovrà rispondere delle accuse di tentato omicidio e lesioni semplici qualificate. La vittima, aggredita per ragioni di carattere famigliare, non fu mai in pericolo di morte. Le sue condizioni resero comunque necessario il ricovero in ospedale e un importante intervento chirurgico al volto.

Il giudice Amos Pagnamenta presiederà la Corte, che sarà composta anche dagli assessori giurati. Contro il 38enne, difeso dall’avvocato Niccolò Giovanettina, il procuratore pubblico Roberto Ruggeri intende chiedere infatti una pena superiore ai cinque anni di carcere. Il dibattimento è stato previsto sull’arco di due giorni.

Accoltellamento di Pregassona, si va a processo

Accoltellamento di Pregassona, si va a processo

Il Quotidiano di giovedì 21.01.2021

 
Lite con coltello a Pregassona

Lite con coltello a Pregassona

Il Quotidiano di lunedì 20.07.2020

 
Francesco Lepori
Condividi