Michele Foletti, presidente della CPI
Michele Foletti, presidente della CPI (tipress)

Argo1, "il Governo doveva chiedere scusa"

Intervista al presidente della CPI, Michele Foletti, al termine della discussone in Gran Consiglio del rapporto sull’inchiesta parlamentare

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Il Governo doveva dire: abbiamo sbagliato". Il Gran Consiglio ticinese oggi, lunedì, ha discusso le conclusioni del rapporto della Commissione parlamentare d’inchiesta (CPI) sullo scaldalo Argo 1 (vd. correlati). Michele Foletti, deputato leghista, è stato il presidente della commissione; lo abbiamo intervistato, al termine del dibattito che ha messo la parola fine alla vicenda:

“Volevamo verificare se il Consiglio di Stato avesse subiti iniziato a mettere in pratica le misure atte ad evitare che una situazione del genere possa ripetersi in futuro e migliorare il lavoro dell’amministrazione”.

La domanda “perché Argo 1?” è tuttavia rimasta senza risposta…

“Sì, ma non era la domanda che ci è stata posta dal Gran Consiglio: era una domanda che era stata posta all’avvocato Bertoli da parte del Consiglio di Stato, ma lui non è riuscito a dare una risposta, e nemmeno noi… Era comunque una società inadeguata a compiere il ruolo di gestione della sicurezza nei centri per richiedenti l’asilo: in quel momento non era strutturata e non aveva il personale giusto, aveva soltanto un buon prezzo. Probabilmente sono nate delle questioni personali tra chi doveva decidere, chi svolgeva il compito di sorveglianza prima e chi avrebbe cominciato dopo con Argo a fare questo compito: è probabilmente lì la spiegazione”.

Argo 1 sbarca in Parlamento

Argo 1 sbarca in Parlamento

Altri Programmi di lunedì 18.02.2019

 

Si è parlato di emergenza nella gestione della pressione migratoria…

“Un’emergenza non può durare anni, dopodiché bisogna mettere in atto i correttivi per gestire un’emergenza: cosa che non è successa in questo caso, poiché il Dipartimento sanità e socialità è rimasto solo a dover gestire questa situazione senza la vera collaborazione di tutto il Consiglio di Stato, arrivata solo dopo il 22 febbraio 2017 quando si sono accorti di cosa era successo. Solo dopo l’istituzione della CPI il Governo ha elevato a compito strategico del Governo la gestione dei richiedenti l’asilo.”

Vi aspettavate di più dal Consiglio di Stato?

“Mi aspettavo un piccolo passo indietro rispetto alla presa di posizione, al fatto che i ministri hanno continuato a dire che tutti i protagonisti della vicenda hanno lavorato in buona fede: non posso ammetterlo! Il Consiglio di Stato si sarebbe dovuto cospargere il capo di cenere e dire forse abbiamo sbagliato: sarebbe stato anche un bel gesto nei confronti dei cittadini”.

C’è qualcosa che, come CPI, avreste voluto fare ma non siete riusciti?

“No: abbiamo appurato quanto c’era da appurare e abbiamo ascoltato tutte le persone che bisognava ascoltare".

 
FrCa/ludoC
Condividi