L'Apartmenthaus Paradies di Arosa
L'Apartmenthaus Paradies di Arosa (web/paradiesarosa.ch)

Arosa: booking.com interviene

Cancellato dal sito l’albergo che aveva affisso cartelli discriminatori nei confronti degli “ospiti ebrei”

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’albergo Apartmenthaus Paradies di Arosa, finito nella bufera per aver affisso all’entrata un cartello col quale si invitavano “gli ospiti ebrei – uomini, donne e bambini - a farsi la doccia prima e dopo l’uso della piscina” è stato oscurato da booking.com, una delle principali piattaforme al mondo per la riservazione online.

Il cartello che ha scatenato il putiferio
Il cartello che ha scatenato il putiferio (MAD/web/Channel 2/Twitter/@KolHaolam)

"Siamo spiacenti, ma al momento – si legge sul sito – non è possibile fare prenotazioni per questo albergo”. "Non tolleriamo discriminazioni di nessun tipo. Possiamo confermare che la struttura in questione non è più disponibile su Booking.com", ha detto un rappresentante del portale citato dai media Israeliani, confermando così la correlazione tra il provvedimento e l’incresciosa vicenda che ha fatto il giro di mezzo mondo.

“Si è trattato di una mossa ingenua ma non di discriminazione”, aveva provato a difendersi la direttrice della struttura. Le scuse però sembrano non bastare, e dopo le condanne da tutti i fronti anche il gigante dell’albergheria online ha preso le distanze.

ludoC

Condividi