Al momento della costruzione il costo stimato era di 180 franchi la tonnellata (©Ti-Press/Francesca Agosta)

Cala il costo dei rifiuti

L'Azienda cantonale riduce la tariffa di smaltimento a 150 franchi la tonnellata - I comuni possono abbassare la tassa del sacco

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il costo dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani applicato dall'Azienda cantonale dei rifiuti scenderà da 160 a 150 franchi a tonnellata (IVA esclusa) nel 2022. Lo ha deciso il Consiglio di Stato. Nel 2010, all'entrata in funzione dell'impianto di Giubiasco, era di 175 franchi e questa è la seconda riduzione in tre anni. La consente il rincaro dell'elettricità: il termovalorizzatore ne produce (così come calore) e questa voce di bilancio è destinata a crescere e quindi a compensare le minori entrate con i rifiuti.

La tassa sul sacco potrà essere ridotta
La tassa sul sacco potrà essere ridotta (canton Ticino)

La conseguenza del ribasso annunciato - scrive il Dipartimento del territorio in un comunicato diffuso lunedì - è che i Comuni potranno a loro volta diminuire la tassa sul sacco "a beneficio dei cittadini".

Il prezzo per quello di 35 litri dovrà fissarsi fra un minimo di 0,90 e un massimo di 1,20 franchi (ora 0,95 e 1,25), mentre l'importo per gli altri volumi andrà adeguato proporzionalmente. Chi già rientra nella forchetta non sarà però costretto ad adattare i prezzi, come spiega Mauro Togni, capoufficio rifiuti e siti inquinati. È il caso di Lugano, dove il sacco da 35 litri costa oggi 1,10 franchi, mentre una diminuzione di (almeno) cinque centesimi sarà per esempio inevitabile a Locarno e Bellinzona, dove i cittadini ora pagano il massimo consentito.

Ridotto il costo dei rifiuti

Ridotto il costo dei rifiuti

Il Quotidiano di lunedì 27.09.2021

 
Ticino, cala la tassa sui rifiuti

Ticino, cala la tassa sui rifiuti

TG 12:30 di lunedì 27.09.2021

 
CSI/pon
Condividi