Campus: parla Tocchetti

Sembra un carcere? Manca verde? È un "non luogo"? L'architetto che ha disegnato l'edificio di USI-SUPSI a Viganello difende la sua opera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nicola Schoenenberger attacca, Simone Tocchetti risponde. Motivo del contendere: il Campus USI-SUPSI di Viganello.

Il consigliere comunale dei Verdi su Facebook lo ha definito cosi: “Una montagna di cemento su una spianata di asfalto". E ancora: "Un' altra occasione persa. Lugano ha permesso la creazione di un ennesimo non luogo”.

Il post ha scatenato oltre 400 reazioni perlopiù critiche: "Sembra un carcere", "Mancano verde e piante", "Orribile, "Fa proprio schifo", oppure "L'ennesimo scempio architettonico a Lugano".

Ma c'è anche chi ha difeso la struttura disegnata dagli architetti Simone Tocchetti e Luca Pessina di Lugano: "È futurista", "Polemica molto facilona, demagogica e populista" e "È un'edifico fantastico".

Abbiamo girato le critiche a Tocchetti. Che ha riposto punto su punto. Sostenendo che l'opera "non è ancora finita" e che il verde "arriverà" e sarà anche "tanto". Che il "cemento dura" ed  è "la nuova pietra". E che non sarà un "non luogo" ma "all'interno avrà la seconda piazza più grande di Lugano" e tanta "vita".

Visita al cantiere del Campus

Visita al cantiere del Campus

Il Quotidiano di lunedì 25.03.2019

 
Joe Pieracci
Condividi