Fu commissionata nel 1938 dalla RSI per la grande Fiera di Lugano associata alla Festa della Vendemmia (TiPress)

Casanova di nuovo a Lugano

Il Palazzo dei Congressi ospiterà la messa in scena della commedia lirica scritta dall'intellettuale ticinese Guido Calgàri

Tornerà in scena il prossimo 28 novembre a Lugano la commedia lirica in due atti commissionata nel 1938 dalla RSI per la grande Fiera di Lugano associata alla Festa della Vendemmia. L'opera dal titolo "Casanova e l'Albertolli" è uno dei pochi esempi di opera nazionale compiuta ed è stata scritta dall'intellettuale ticinese Guido Calgàri, di cui ricorre quest'anno il 50esimo dalla morte. Fu musicata dal solettese Richard Flury e sarà risuonata dopo quasi ottant'anni dall'Orchestra della Svizzera italiana.

La trama colloca Giacomo Casanova a Lugano nel 1769 per stampare alla Tipografia Agnelli un libro storico su Venezia. Qui incontra e corteggia la ventenne Lucia Morosini, già legata all'artista locale Giocondo Albertolli. Su questo sfondo si sviluppa un intreccio amoroso al quale segue il tranello organizzato dalla moglie del Landfogto di Lugano, che a sua volta era già stata insidiata dal Casanova.

"Questo Casanova e l'Albertolli è un'occasione di fare qualcosa di diverso", ha commentato la direttrice dell'OSI Denise Fedeli. Il progetto non avrebbe però mai visto la luce senza la spinta della famiglia Flury, come spiegato dal maestro Diego Fasolis, che dirigerà l'Orchestra e il Coro della RSI per questo evento: "La famiglia e la fondazione hanno voluto farlo con l'Orchestra della Svizzera italiana che per prima aveva realizzato quest'opera".

L'evento gratuito si terrà al Palazzo dei Congressi, per necessità logistiche, perchè, oltre agli orchestrali e ai coristi, anche più di dieci solisti.

CSI/AnP
Condividi