Controllo della radioattività sulla selvaggina durante la stagione venatoria
Controllo della radioattività sulla selvaggina durante la stagione venatoria (©Archivio Ti-Press)

Cernobyl non è una minaccia

Analisi mostrano ancora radioattività nella Svizzera italiana ma in quantità trascurabile

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Terra, erba, funghi, latte, selvaggina e pesce ticinesi 30 anni dopo l’incidente di Cernobyl non destano preoccupazione. Lo conferma il laboratorio cantonale ticinese che, insieme all’ufficio federale della sanità pubblica, a quello cantonale di veterinaria e all’associazione svizzera dei controllori dei funghi, ha svolto analisi approfondite ed estese su diversi campioni nella Svizzera italiana.

La Confederazione non fu risparmiata dalla radioattività trasportata dalle masse d’aria dopo l’incidente al reattore 4 della centrale sovietica il 26 aprile 1986. In particolare a sud delle Alpi, spiega lunedì il laboratorio cantonale, si registrò la più alta contaminazione del terreno e delle piante. Una situazione che, si ricorderà, portò l'invito a "spazzolare l'insalata" di Mario Camani nella memoria collettiva ticinese.

A 30 anni di distanza gli studi dimostrano che le quantità, malgrado certi isotopi siano ancora misurabili, sono oggi trascurabili e non superano i limiti di legge: “la situazione non desta la benché minima preoccupazione”, conclude il riassunto.

ab

Dal TG20:

Trent'anni dopo Chernobyl

Trent'anni dopo Chernobyl

TG 20 di lunedì 25.04.2016

Dal Quotidiano:

A 30 anni da Chernobyl

A 30 anni da Chernobyl

Il Quotidiano di lunedì 25.04.2016

Condividi