In alcuni comuni, come Castel San Pietro, già oggi vengono concessi 20 giorni lavorativi (pixabay)

Congedo paternità, tutti come UBS?

Nel mondo del lavoro sindacati e privati, ma anche nel settore pubblico, ci si interroga su una “somma” dei giorni dove già erano previsti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Svizzera dalla scorsa domenica ha un nuovo congedo paternità di due settimane (10 giorni lavorativi), approvato largamente alle urne. La banca UBS, dopo il voto, ha annunciato di voler mantenere i giorni liberi già garantiti ai propri dipendenti che diventano padri. Portare quindi a 4 le settimane di congedo offerte dal 2021. Un esempio che potrebbe fare scuola? Sì, secondo il sindacalista OCST Giorgio Fonio, che si è speso nella campagna a favore di un congedo paternità più lungo: “Ora da parte dei sindacati, ne sono certo, ci sarà anche tutta una discussione laddove vi sono delle convenzioni collettive per far sì, ad esempio, che dove non c’erano congedi paternità vengano adottati questi 10 giorni, oppure dove invece c’erano già dei congedi, questi magari possano essere aumentati. D’altronde lo abbiamo sempre detto chiaramente, questo è un primo passo.”

CSI 18.00 del 30.09.2020 - La testimonianza di chi ne ha già usufruito raccolte da Romina Lara
CSI 18.00 del 30.09.2020 - La testimonianza di chi ne ha già usufruito raccolte da Romina Lara
 

I sindacati sono dunque pronti a difendere quanto già era stato acquisito in passato. In Ticino alcune aziende prevedevano infatti già un congedo paternità di 5,10 o anche più giorni. Nel ramo farmaceutico lo avevano ad esempio Helsinn e Sintetica. Per il CEO di quest’ultima. Augusto Mitidieri, è ancora prematuro però parlarne: “Non abbiamo ancora fatto riflessioni in questo senso, anche perché il voto è di pochi giorni fa, ma siamo comunque molto contenti dell’esito del voto” spiega ai microfoni RSI.

Comuni: da 20 a 30 giorni?

Nel settore pubblico, tra i comuni "virtuosi" in tema di congedo paternità c'è Castel San Pietro. La sindaca Alessia Ponti si dice pronta a sollevare il tema in Municipio: “Noi già oggi concediamo 20 giorni lavorativi e siamo stati tra i primi comuni a inserire questa misura e, se dal mondo privato ci arriva questo input a sommare i giorni perché quindi non aprire una discussione su questa possibilità.”

Cantone, Pini: “Non sarà facile, ma non lo escluderei”

Per i dipendenti dello Stato il congedo paternità attualmente è già di 10 giorni, ma fino a tre anni fa erano 5. Del rapporto votato in Gran Consiglio il relatore era stato il deputato PLR Nicola Pini: “È sicuramente positivo che se ne parli e che alcuni privati si spingano più in là di quello che è stato votato dal popolo qualche giorno fa. A livello politico devo dire che era stato un duro lavoro su più anni riuscire ad arrivare ai 10 giorni, sia a livello cantonale che nella mia Locarno. Spingersi più in là non è quindi così scontato e la prudenza resta d’obbligo, anche se a titolo personale non lo escluderei.”

Da parte sua il Governo non ne ha ancora discusso, anche perché non si è ancora riunito dopo il voto. Il dibattito però, nel pubblico come nel privato, è lanciato.

CSI/dielle
Condividi