Il virus ha fatto la sua comparsa nei giorni scorsi in Cina (keystone)

Coronavirus, "nessun allarmismo"

Discussa la strategia per affrontare in modo coordinato possibili casi in Ticino - Reazioni dal Fox Town, meta privilegiata dei vacanzieri cinesi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Calma e sangue freddo. È quanto si chiede alla popolazione riguardo al coronavirus. Nonostante il rischio minimo, in Ticino oggi, lunedì, tutte le parti interessate si sono incontrate per stilare una strategia chiara per affrontare possibili contagi.

“Non bisogna cedere al panico, stiamo monitorando la situazione”, spiega ai nostri microfoni il medico cantonale Giorgio Merlani, che tuttavia aggiunge: “Attualmente stiamo sottostimando la normale influenza, presente in Svizzera, e che ogni tanto causa dei decessi”.

Giorgio Merlani, medico cantonale ticinese
Giorgio Merlani, medico cantonale ticinese (tipress)

“Tutti i partner sanitari fondamentali erano seduti allo stesso tavolo – continua Merlani –; lo scopo di questo incontro era di verificare che disponiamo tutti delle stesse informazioni e, con tutte le prese fatte, di prepararsi, per esempio se qualcuno tornato entro dieci giorni dalla Cina dovesse avere la febbre, ad accertare e affrontare un possibile caso di coronavirus”.

 

Le procedure, continua Merlani, sono state definite e condivise e ora verranno diffuse ai medici, agli ospedali e agli specialisti in Ticino, per gestire il tutto in maniera coordinata a livello cantonale.

Coronavirus, 80 le vittime

Coronavirus, 80 le vittime

TG 12:30 di lunedì 27.01.2020

 

In Svizzera attualmente ci sono cinque possibili casi di coronavirus e per due di loro si è ricorso all'isolamento. In generale, in tutti i casi fuori dalla Cina si tratta di persone che hanno contratto il virus nel paese asiatico. Chi fosse tornato dalla Repubblica popolare nelle ultime due settimane e avesse tosse e febbre, come dovrebbe comportarsi? “Non bisogna muoversi e neppure andare in pronto soccorso – ci risponde Merlani -, ma chiamare il servizio ambulanze, che valuterà caso per caso come comportarsi.

Virus, casi sospetti in Svizzera

Virus, casi sospetti in Svizzera

TG 20 di domenica 26.01.2020

 

Fox Town, meta prediletta dai cinesi:

In Ticino, uno dei luoghi più frequentati da cinesi è il centro commerciale Fox Town di Mendrisio. Per capire se c'è preoccupazione tra la clientela abbiamo raccolto le considerazioni di alcuni visitatori:

CSI 18.00 del 27.01.2020: le voci raccolte davanti al Fox Town, di Francesco Gabaglio
CSI 18.00 del 27.01.2020: le voci raccolte davanti al Fox Town, di Francesco Gabaglio

 

“Stiamo monitorando attentamente la situazione, ma al momento non ci sono state richieste misure restrittive nei confronti della clientela asiatica, ma siamo pronti a mettere in atto in qualsiasi momento le eventuali raccomandazioni delle autorità sanitarie”, spiega da parte sua Marco Efti, direttore del centro commerciale.

Strategia comune contro il coronavirus

Strategia comune contro il coronavirus

Il Quotidiano di lunedì 27.01.2020

 
 
Condividi