La Luxury Goods di Cadempino
La Luxury Goods di Cadempino (tipress)

Ex CEO di Gucci nel mirino

Un’inchiesta giornalistica rivela che l’uomo avrebbe sottratto milioni al fisco italiano grazie a specialisti luganesi - La guardi di finanza: "Kering ha evaso 1,4 miliardi"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una complessa inchiesta ha messo sotto la lente il gruppo Kering, il gigante internazionale della moda attivo anche in Ticino attraverso la Luxury Goods International. Oggi, nel mirino di rivelazioni giornalistiche, è finito l'ex amministratore delegato di Gucci, Patrizio di Marco, che avrebbe sottratto milioni al fisco italiano grazie a degli specialisti basati a Lugano.

Documenti confidenziali rivelati dal sito d’informazione francese Mediapart e condivisi con il consorzio giornalistico EIC incastrerebbero l'ex CEO del marchio italiano. Il super manager di uno dei colossi della moda, affiliati al gruppo Kering con sede in Ticino tramite la Luxury Goods, godeva di un forfait fiscale, ma aveva di fatto una residenza fittizia sul territorio cantonale. 

Così facendo avrebbe sottratto la metà dei sui guadagni al fisco italiano; secondo quanto svelato, questo grazie ad acrobatiche architetture contabili orchestrate dai consulenti del gigante del lusso, consulenti che hanno la loro sede a Lugano.

L'ex numero uno di Gucci dal 2011 al 2014 avrebbe dirottato su un conto di Singapore tramite una società off-shore di Panama, 24 milioni di euro, circa 26 milioni di franchi. Un caso su cui sta indagando anche Falò.

Soldi che l'uomo sarebbe riuscito a far sparire dai radar tributari grazie alla consulenza di un fiduciario luganese, tra i primi a figurare nel consiglio di amministrazione del gruppo Luxury Goods. Lo specialista, è infatti entrato nella holding già nel 1997, un anno dopo l'arrivo del gruppo (allora Gucci) nella Svizzera italiana.

A mezzo stampa, di Marco ha già dato la sua risposta, dicendo di essere fiducioso di poter dimostrare la correttezza del suo operato. Ora bisognerà capire se queste rivelazioni, dopo l'inchiesta penale in Italia e in Francia, provocheranno un'ulteriore indagine in Ticino.

Ancora sospetti sul gruppo Kering

Ancora sospetti sul gruppo Kering

Il Quotidiano di venerdì 25.01.2019

 

Le autorità italiane: evasi 1,4 miliardi

Nel frattempo, il nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Milano ha contestato al gruppo del lusso francese Kering che possiede il marchio Gucci una presunta evasione fiscale da circa 1,4 miliardi di euro con ricavi non dichiarati per circa 14,5 miliardi. Il "processo verbale di constatazione" è stato effettuato nell'inchiesta del magistrato Stefano Civardi con al centro la commercializzazione di prodotti Gucci e l'aggiramento, tra il 2011 e il 2017, delle imposte italiane attraverso attraverso operazioni contabili organizzate da consulenti di una società con sede a Lugano. Stando a quanto ricostruito dalle indagini delle Fiamme Gialle, il gruppo Kering, attraverso "una stabile organizzazione occulta" costituita dalla società svizzera LGI Luxury Goods International, avrebbe evitato di pagare le tasse sulla commercializzazione in Italia di prodotti del marchio Gucci, ma avrebbe pagato solo le imposte svizzere inferiori al 9%.

Kering, echi e silenzi

Kering, echi e silenzi

Il Quotidiano di sabato 26.01.2019

 
Quotidiano-BW/ludoC/ANSA
Condividi