Un bicchiere d'acqua potabile direttamente dalla fontana
Un bicchiere d'acqua potabile direttamente dalla fontana (TiPress)

"FFS, ridateci le fontanelle"

L'Associazione ticinese utenti dei trasporti pubblici chiede che nelle stazioni sia garantita l'erogazione di acqua potabile

Dove sono finite le fontanelle d'acqua delle principali stazioni ferroviarie? A sollevare il quesito è l'Associazione ticinese utenti dei trasporti pubblici. "Per dissetarsi occorre accedere al chiosco, al bar, ai negozi, agli automatici o nei gabinetti dove, al prezzo di 1 franco si trova un rubinetto che eroga acqua potabile", sostiene l'ASTUTI.

A Bellinzona, in realtà, la piccola fontana è sopravvissuta dopo la ristrutturazione ma è rimasta in funzione solo nei primi giorni dopo l'inaugurazione, Oggi, è chiusa. "A Lugano – si legge nel comunicato dell'Associazione – la fonte sulla piattaforma centrale fu tolta con la creazione del chiosco, con la ristrutturazione è sparita pure quella davanti alla stazione, dove sostavano i taxi".

Il presidente dell'ASTUTI, Fabio Canevascini, è preoccupato: "A risentirne non sono solo sportivi e turisti ma anche studenti e pendolari. Insomma... un po' tutti".

CSI/MABO

Condividi