Immagine d'archivio (tipress)

Frontalieri, si pensa al regime speciale

A ridare slancio ai negoziati sull’accordo fiscale, secondo il senatore PD Alfieri, ci sarebbero tutele per chi già lavora in Svizzera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il nuovo accordo sulla fiscalità dei frontalieri italiani potrebbe essere ratificato da Roma entro fine anno: lo ha dichiarato ieri il consigliere federale Ignazio Cassis, secondo cui sono stati fatti passi avanti. Quali sono? Da fonti ufficiali non trapela nulla, ma qualche elemento in più ce lo ha fornito il segretario della commissione esteri del Senato italiano, il senatore varesino del PD Alessandro Alfieri, molto vicino al team che sta negoziando l’accordo fiscale.

 

Secondo Alfieri, sono due gli elementi che hanno determinato questo cambio di passo, confermato anche dalla presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, oggi a Roma per incontrare il premier Giuseppe Conte e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Sommaruga è a Roma

Sommaruga è a Roma

TG 12:10 di martedì 29.09.2020

 

A riaprire i negoziati da parte italiana sarebbe stato, il condizionale è d’obbligo, il fatto che il nuovo metodo di tassazione “non toccherebbe gli attuali frontalieri, quelli che già lavorano, che godrebbero di un regime speciale, ma solo i nuovi”, ci spiega Alfieri.

Di una fase transitoria a durata determinata si era però parlato anche in passato, ma in questo caso si tratterebbe di una salvaguardia fino alla pensione, aggiunge il senatore.

Un'ipotesi che solleverebbe degli interrogativi, uno su tutti: è pensabile gestire due sistemi così diversi? Ma veniamo alla Svizzera. Il nuovo sistema che manda in pensione l'era dei ristorni - prevede che lo stipendio dei lavoratori verrà tassato ordinariamente in Italia detraendo la parte già tassata alla fonte in Svizzera. Ebbene - in contropartita - sempre secondo il senatore PD - Berna starebbe trattando per aumentare (all'80%) la percentuale massima con cui potrebbe tassare i frontalieri: “È materia di negoziato, siamo d’accordo che debba aumentare come contropartita rispetto al regime di salvaguardia per gli attuali frontalieri. La Svizzera otterrebbe comunque un aumento dell’imponibile fiscale, e otterrebbe una fine anticipata dell’attuale sistema dei ristorni”.

Sollecitato sul tema, il Cantone risponde per ora con un secco no comment, in attesa che Berna riferisca sul contenuto delle nuove proposte negoziali. In agenda a Bellinzona c’è tuttavia un appuntamento importante: la visita, il 16 ottobre, del ministro delle finanze Ueli Mauer.

Vicini alla firma dell'accordo

Vicini alla firma dell'accordo

Il Quotidiano di martedì 29.09.2020

 
CSI-FrCl/ludoC
Condividi