Il Locarno Film Festival tra miti e realtà

Lorenzo Buccella, uno che del Pardo "si è innamorato", ha reso omaggio alla 75° edizione con un libro ed un documentario. Lo abbiamo intervistato

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Locarno Film Festival è Piazza Grande, sono i registi e gli attori di fama internazionale che sfilano sul tappeto rosso, le proiezioni cinematografiche locali e straniere, l’arte e la mondanità. Ma non solo. Il Festival è fatto anche di emozioni, ricordi, testimonianze ed aneddoti. Lo sa bene Lorenzo Buccella - giornalista, scrittore e critico cinematografico – uno che del Pardo si è innamorato per davvero.

Spinto dal "piacere di ritornare su un vecchio amore" - ci racconta un Buccella emozionato a poche ore dall'avvio della rassegna - ha deciso di omaggiare la 75esima edizione, che animerà Locarno dal 3 al 13 agosto, con un libro intitolato "Locarno on/Locarno off", che ripercorre la storia del Festival raccontandone "la doppia faccia". Sì, perché se "da una parte c’è la Locarno quella ufficiale, passata davanti alle telecamere, era bello narrare anche il dietro le quinte, ovvero tutte quelle leggende e mitologie che si sono venute a creare in 75 anni di storia".

Locarno confidential

Locarno confidential

documentario di Lorenzo Buccella e Chris Guidotti

 

E dopo la meticolosa ricerca svolta per la stesura del libro, Lorenzo Buccella ha scelto di produrre anche un documentario "Locarno Confidential: Locarno 75", trasmesso martedì su RSI LA1 e da oggi disponibile anche su Play Suisse, la piattaforma streaming della SSR.

Giorgia Fontana
Condividi