La minaccia del coleottero giapponese

Il Quotidiano di mercoledì 15.07.2020

Il coleottero minaccia le vigne

Un focolaio di popilia japonica è stato segnalato nel Mendrisiotto, e per contrastarlo verrà utilizzato un fungo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il primo focolaio di coleottero giapponese (popilla japonica) è stato segnalato in una coltura Svizzera, a Genestrerio. Dalla sua comparsa nel 2017 a sud delle Alpi in alcune apposite trappole, questa specie esotica invasiva preoccupa gli esperti. Questo piccolo insetto è infatti capace di grandi danni: se nessuno lo ferma, attacca la vigna e la divora, compromettendo il raccolto. Nel vigneto del Mendrisiotto, dove è scattato l'allarme, lo scorso weekend ne sono stati raccolti un migliaio di esemplari, ma si stima che sia solo la metà di quelli presenti.

"In questo momento sono proprio in fase riproduttiva - ha spiegato Cristina Marazzi, responsabile del servizio fitosanitario ticinese - per cui è il momento dove vanno a deporre le uova aumentando la popolazione".

Combatterlo con un fungo

In futuro per contrastarlo si utilizzerà anche un fungo fornito da un progetto europeo che coinvolge anche l'istituto di ricerca federale Agroscope. Obiettivo, annientare i coleotteri e le loro uova, per ridurre i rischi di nuove popolazioni il prossimo anno. "Verranno impiegati da settembre in un prato messo a disposizione per la ricerca", spiega Marazzi.

CSI 18.00 del 15.7.2020 - Il servizio di Laura Dick
CSI 18.00 del 15.7.2020 - Il servizio di Laura Dick
 

Il rischio di non vendemmiare nel 2021 è reale. Oltre alla consulenza cantonale, è previsto un sostegno concreto dall'ufficio federale dell'agricoltura per dare manforte nelle catture. "Nel caso di una presenza cospicua: più siamo e meglio è. Berna ha messo a disposizione dei mezzi per poter reclutare il maggior numero di persone possibile se il caso lo richiede".

E poi c'è il ruolo di tutti, viticoltori e non, invitati segnalare ogni presenza sospetta fotografando l'insetto e catturandolo.

CSI/QUOT/Bleff
Condividi