La pioggia, arrivata dopo un lungo periodo di siccità, potrebbe causare frane e caduta di sassi (Ti Press)

Il pericolo non finisce con le piogge

Le precipitazioni, sul terreno arso dalla siccità, potrebbero causare frane o cadute di sassi anche a giorni di distanza - L'intervista al geologo cantonale, Andrea Pedrazzini

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Con 89 millimetri di pioggia, Locarno ha segnato il record svizzero delle precipitazioni cadute nella notte. Dopo la siccità è quindi tornato a piovere a sud delle Alpi e fortunatamente l'ha fatto senza causare danni.

La RSI ne ha parlato col geologo cantonale Andrea Pedrazzini.

"Come previsto, anche da Meteo Svizzera, sono cominciate le precipitazioni anche nel Sottoceneri, in particolare e finalmente il Mendrisiotto ha ricevuto una parte di precipitazioni e precipitazioni che, da quello che sappiamo, non hanno creato particolari disagi. Vedremo nelle prossime ore, comunque per adesso la situazione è sotto controllo.

Il terreno, asciutto a causa della siccità, destava preoccupazioni, ma i nubifragi, a tratti anche violenti, non hanno creato disagi neanche in quelle zone particolarmente a rischio.

"Sono tutte le zone un pochettino scoperte da vegetazione o dove la vegetazione è secca (questo in particolare nel Mendrisiotto), e quindi il potere di assorbimento e, rispettivamente, il potenziale di ruscellamento sopra il suolo è maggiore. Quindi bisogna fare attenzione su questi settori, dove l'azione del bosco e la ritenzione del suolo è limitata".

Ora la capacità del suolo di assorbire acqua è migliorata, ma ci sono delle zone nel cantone che sono sempre sorvegliate speciali.

"Chiaramente ci sono zone dove affiorano le rocce vulcaniche (praticamente la zona del Basso Ceresio), che sono più soggette a franamenti, fenomeni che possono avvenire con precipitazioni intense e prolungate. E poi le cadute di sassi. Nei prossimi giorni dovremo controllare. Potrebbero esserci delle cadute sassi anche a due/tre giorni di distanza dalle precipitazioni. Questo è un altro fenomeno da non sottovalutare".

Il pericolo, quindi, non finisce con le piogge, che comunque non sono ancora concluse. Nella notte tra giovedì e venerdì, proprio nel Mendrisiotto, sono previsti temporali, in attesa delle piogge che venerdì pomeriggio dovrebbero cadere su tutto il cantone.

 
SEIDISERA/M. Ang.
Condividi