Tutti in coda alla dogana
Tutti in coda alla dogana (©Ti-Press)

L’aliscafo non salpa, per ora

I frontalieri disposti a navigare sul Lago Maggiore ci sono, ma una sola corsa non soddisfa tutti...

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le auto dei frontalieri rimarranno, almeno per ora, sulle strade del Locarnese. Il servizio di aliscafo proposto dal comune di Verbania per trasportare i lavoratori in Ticino, infatti, non inizierà il 13 ottobre, così come previsto.

 “Le persone disposte a considerare questa offerta ci sono, ma una sola corsa non soddisfa le esigenze di tutti, in termini di orari”, dichiara la sindaca di Verbania, Silvia Marchionini, che sottolinea: “Abbiamo proposto a Locarno di sovvenzionare una seconda corsa giornaliera in aliscafo per rispondere appieno alle esigenze dei lavoratori, ma...”.

Stiamo cercando di coinvolgere più comuni e più aziende della regione”, ribadisce dal canto suo il vicesindaco di Locarno, Paolo Caroni, che in merito precisa: “siamo in attesa di conoscere le varie disponibilità, che comunicheremo quanto prima alle autorità italiane”.

L’uovo di colombo per far fronte all’emergenza traffico, quindi, rimane solo sulla carta, ma oltre confine l’ottimismo non manca e Marchionini ribadisce: “La partenza del progetto è stata rinviata di un mese; il nostro obiettivo è quello di iniziare la sperimentazione entro la fine di novembre”.

Lino Bini

Condividi