La galleria del Monte Ceneri (tipress)

La realtà della "Città Ticino"

Il tunnel dimezzerà i tempi di percorrenza tra Bellinzona, Locarno e Lugano. E già si vede un primo trend

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Venerdì dopo anni di attesa il primo treno attraverserà la galleria di base del Ceneri. Un tunnel che dovrebbe, almeno sulla carta, segnare la nascita della cosiddetta "Città Ticino". E dimezzando i tempi di percorrenza tra i tre principali centri urbani - Bellinzona, Locarno e Lugano - si immagina, appunto, che il Ticino diventi una sorta di città diffusa e che la popolazione ne approfitti.

Ma questo è un concetto ancora astratto o è già una realtà? I dati non ci aiutano ad identificare un vero e proprio movimento verso la "Città Ticino". Per capirlo ci vorranno diversi anni e dati più aggiornati, spiegano dall'Ufficio cantonale di statistica. Ma una tendenza già si percepisce.

Il macro attrattore di Bellinzona saranno i molti appartamenti nuovi costruiti negli ultimi tempi, con standard di un certo livello, a prezzi accessibili. Si pensava che Bellinzona sarebbe potuta diventare la periferia di Zurigo ed invece "quello che si è avverato - spiega Gian Paolo Torricelli, responsabile dell’Osservatorio dello sviluppo territoriale - è che questi appartamenti hanno cominciato ad essere interessanti per i luganesi".

"Stiamo parlando di un migliaio di persone su 5 anni: 3/400 famiglie che dal Luganese si sono spostate verso il Bellinzonese", aggiunge Torricelli. "Ma è interessante perché il trend continua", conclude.

 

 

CSI/redMM
Condividi