Una larga maggioranza delle imprese si attende una ripresa
Una larga maggioranza delle imprese si attende una ripresa (Ti-Press)

Le aziende credono nella ripresa

Le ditte svizzere, comprese quelle ticinesi, sono fiduciose per il medio termine, nonostante il nuovo coronavirus

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le aziende svizzere - comprese quelle ticinesi - scommettono sulla ripresa e nonostante il coronavirus sono sostanzialmente fiduciose per il medio termine.

Il 71% delle imprese interrogate nell'ambito di un sondaggio svolto da UBS prevede che nel 2022 avrà un fatturato uguale o superiore a quello del 2019. L'87% si aspetta di avere un numero di dipendenti uguale o di vedere aumentato l'organico, emerge dall'indagine condotta presso 2'500 realtà imprenditoriali.

Questa fiducia vale per tutti i settori e le regioni: anche nel travagliato ramo della ristorazione tre quarti degli intervistati, e in Ticino addirittura l'87%, prevedono che il personale fra due anni sarà allo stesso livello o più numeroso.

Il blocco di varie attività causato dalla pandemia ha costretto le società elvetiche a utilizzare sempre più forme flessibili di lavoro e soluzioni digitali. Le ditte intervistate hanno espresso la ferma intenzione di continuare a lavorare con questi strumenti anche dopo la recessione.

Anche i dati della disoccupazione di giugno, ricordiamo, erano attesi come una cartina di tornasole per leggere l'ampiezza dei contraccolpi della pandemia. In Ticino,come nel resto della Svizzera, è andata meno peggio di quanto previsto.

ats/joe.p.
Condividi