L'emergenza non è finita

Smottamenti ed esondazioni nel Mendrisiotto, oltre un centinaio di interventi dei pompieri e le previsioni annunciano ancora pioggia. Istituito uno stato maggiore regionale di condotta

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"È stato costituito uno stato maggiore regionale di condotta, con i responsabili degli enti di primo intervento e coordinato dalla polizia cantonale. Siamo pronti per quello che potrà succedere questa sera e durante la notte, anche se speriamo che non succeda": dalle parole dell'addetto stampa della polizia cantonale, Claudio Ferrari, si capisce come l'emergenza non sia ancora finita nel Mendrisiotto, particolarmente colpito dal maltempo di questo martedì mattina e dove le previsioni annunciano ulteriori precipitazioni. Le autorità hanno raccomandato di evitare gli spostamenti non necessari e invitano a non sostare sui ponti e lungo i corsi d'acqua, ma anche nelle aree a rischio di smottamenti e cadute di alberi. Per il momento non si registrano comunque feriti.

CSI 18.00 del 27.07.2021 La diretta di Laura Dick
CSI 18.00 del 27.07.2021 La diretta di Laura Dick
 

I 150 metri cubi di portata raggiunti dal fiume Breggia a metà mattinata, quasi 300 volte la media mensile, ben rendono l'idea di quanta pioggia è caduta. A Coldrerio si sono registrati quantitativi che non si vedevano da decenni. Un centro commerciale di Balerna è stato in parte evacuato, in Via Comacini a Chiasso è stata evacuata invece un'intera palazzina con la cantina allagata.

120 interventi da parte dei pompieri

I pompieri di Mendrisio hanno effettuato 120 interventi, mobilitando 55 uomini. "Capita una volta o due all'anno di dover far fronte a 80-90 interventi, qui siamo di fronte a un livello leggermente superiore ma siamo a disposizione", ha dichiarato alle Cronache della Svizzera italiana il vicecomandante Alberto Ceronetti.

La strada verso la Residenza Generoso bloccata a Capolago
La strada verso la Residenza Generoso bloccata a Capolago (tipress)

Inevitabili i disagi alla viabilità: alle 17.20 ViaSuisse segnalava ancora chiuse la strada del valico di Pizzamiglio, Via Residenza Generoso a Capolago, la strada fra Pobbia di Novazzano e Ponte Faloppia, Via Bellavista a Morbio Inferiore, Via Maestri Comacini a Chiasso in direzione di Ponte Chiasso, la cantonale a Caneggio e, per la caduta di alberi, la strada tra Rovio e Arogno.

 

I problemi di oggi si sommano a quelli di lunedì a Bissone, dove in serata uno smottamento aveva costretto all'evacuazione di tre case. Una di queste, ci ha confermato il geologo cantonale Andrea Pedrazzini, è tornata agibile, mentre le altre resteranno vuote almeno fino a giovedì.

Agricoltori preoccupati

Ma è già da qualche tempo che il maltempo imperversa e anche l'agricoltura ne risente: i vigneti ticinesi avevano patito la grandine nelle scorse settimane, ora preoccupano le colture di cereali "che erano nel momento ottimale per la raccolta e che sicuramente non saranno panificabili, probabilmente nemmeno essere utilizzati in altro modo, perché sono proprio a mollo nei campi", secondo Andrea Zanini, presidente dell'Associazione orticoltori ticinesi.

Il maltempo travolge il Mendrisiotto

Il maltempo travolge il Mendrisiotto

Il Quotidiano di martedì 27.07.2021

Maltempo in Svizzera

Maltempo in Svizzera

TG 20 di martedì 27.07.2021

 
CSI/pon
Condividi