Manuele Bertoli
Manuele Bertoli (tipress)

"Lezioni in estate? Lo escludo"

Il consigliere di Stato ticinese Manuele Bertoli, direttore del Dipartimento dell'educazione, fa il punto sulla scuola al tempo del coronavirus

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sfruttare parte delle vacanze estive per recuperare il tempo perduto con la chiusura delle scuole? “Lo escludo, soprattutto perché d’estate fa molto caldo e le scuole non sono attrezzate contro le alte temperature”, è stata la risposta data al Corriere del Ticino dal direttore del Dipartimento dell’educazione, il consigliere di Stato Manuele Bertoli. “Se si potrà annullare o spostare la scuola reclute estiva si potranno però tenere degli esami che usualmente si tengono in maggio o giugno per le ultime classi”, ha spiegato, aggiungendo che, nell’ipotesi che la chiusura dovesse protrarsi, insieme ai cantoni si sta pensando ad altri scenari, “con la ferma volontà di non perdere anni o semestri”.

La scuola a distanza

La scuola a distanza

Il Quotidiano di martedì 24.03.2020

 

Nell’intervista apparsa oggi, mercoledì, sul giornale, Bertoli ha proseguito parlando delle discussioni che hanno preceduto la decisione di chiudere le aule: “Mercoledì 11 marzo sono andato in Consiglio di Stato con un progetto di risoluzione che prevedeva la chiusura di tutte le scuole e l’accudimento degli allievi di quelle obbligatorie impossibilitati a rimanere a casa – si legge sulle pagine del quotidiano –. Poi nel corso della lunga discussione Daniel Koch siamo arrivati, non senza fatica, a decidere di mantenere aperte le scuole dell’obbligo chiudendo le altre, perché non si parlava ancora di chiudere le attività economiche e il rischio dello scambio intergenerazionale era alto e da scongiurare”. Quando anche Francia e Germania hanno deciso di chiudere tutti gli istituti “abbiamo cambiato strategia. Decisiva è stata comunque la scelta di chiudere contemporaneamente anche esercizi pubblici e commerci non necessari, in modo che molti genitori da lunedì 16 marzo fossero a casa. Senza questo elemento l’accudimento a scuola sarebbe stato molto problematico, tant’è che anche la Confederazione lunedì 16 ha seguito”.

 
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Un mese di emergenza

 
ludoC
Condividi