In pista alla Valascia (Ti-Press)

L'hockey svizzero è ancora per famiglie?

Due partite la domenica pomeriggio nel calendario dell'HC Lugano, nessuna in quello dell'HCAP. Ma i club non hanno un grande margine di manovra sul calendario

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'hockey su ghiaccio - quello svizzero - è ancora uno spettacolo per famiglie? Ne parliamo perché negli scorsi giorni è stato pubblicato il calendario della prossima stagione, che non ha mancato di far storcere il naso a qualche tifoso.

Perché dal tabellone sono quasi totalmente sparite le partite della domenica pomeriggio, quelle per cui si andava allo stadio con i bambini. Questione di opportunità e diritti televisivi, ci dicono da Ambrì e Lugano.

"Devo dire che una volta all'anno era una norma. Ma non è che ce ne fossero molte di partite la domenica pomeriggio: una o due. Ora dobbiamo convivere con questa realtà che è un po' imposta da chi detiene i diritti televisivi", spiega il presidente dell'HCAP Filippo Lombardi.

"Noi abbiamo due partite di domenica pomeriggio e una sola casalinga alla sera che è stata imposta dal contratto televisivo", dice invece il direttore amministrativo dell'HCL JJ Aeschlimann.

Insomma non si scappa. I club non hanno un grande margine di manovra sul calendario, che viene abbozzato un anno prima e sottostà a tutta una serie di parametri dettati da chi detiene i diritti.

Agata Galfetti/redMM
Condividi