Da inizio pandemia fino alla scorsa settimana, Swissmedic ha ricevuto circa 1060 notifiche probabilmente correlate agli effetti collaterali riscontrati dopo la vaccinazione di richiamo o la terza dose. (Gettyimages)

L'orticaria dopo il vaccino

“Nella buona parte dei casi c’è un sospetto fondato di una correlazione causale con la dose di richiamo somministrata”, spiega il professor Alessandro Ceschi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In Svizzera persistono le notifiche di casi di orticaria che potrebbero essere correlati con le dosi di vaccino anti Covid-19. "Ci sono delle ipotesi che vengono avanzate tra cui quella che il vaccino possa indurre una risposta immunitaria un po’ deviata che porti ad un’attivazione anormale all’attivazione delle cellule del sistema immunitario" afferma il professor Alessandro Ceschi, primario all’Istituto di Scienze Farmacologiche delle Svizzera italiana delle EOC e membro della task force di Swissmedic.

SEIDISERA del 10.05.2022: Le spiegazioni di Swissmedic
SEIDISERA del 10.05.2022: Le spiegazioni di Swissmedic
 

Da inizio pandemia fino alla scorsa settimana, Swissmedic ha ricevuto circa 1'060 notifiche probabilmente correlate agli effetti collaterali riscontrati dopo la vaccinazione di richiamo o la terza dose. Le notifiche sono giunte per la maggior parte dei casi dalle persone interessate che hanno constatato una manifestazione dei sintomi circa 10 giorni dopo la vaccinazione di richiamo.

Tra questi casi c’è anche Stefano, 34enne del luganese, che afferma di soffrire da oltre due mesi di questo problema: “I sintomi sono iniziati 10 giorni dopo il booster. Sono convinto che sia legato al vaccino, non ho mai sofferto di questi problemi. Non è un semplice prurito, crea un forte disagio.” Stefano ha affermato ai microfoni della RSI che a distanza di 3 mesi il prurito persiste e che anche alcuni dei suoi coetanei hanno riscontrato lo stesso problema.

Testimonianze di casi di orticaria inviate alla redazione
Testimonianze di casi di orticaria inviate alla redazione (RSI)

“Nella buona parte dei casi c’è effettivamente un sospetto fondato di una correlazione causale con la dose di richiamo somministrata” ha affermato Ceschi. La durata dei sintomi è difficile da rilevare, solitamente i casi di orticaria cronica “possono durare anche qualche anno, in media tra i 2 e i 5 anni” ha aggiunto il professore, sottolineando che solitamente la terapia è la somministrazione di antistaminici.

SEIDISERA/Red M.M.
Condividi