Un'ottantina di persone sono coinvolte nei soccorsi
Un'ottantina di persone sono coinvolte nei soccorsi (rescue media)

Malcantone, frana su una casa

Una colata di fango si stacca dalla montagna a Bombinasco; disperse madre e figlia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un 'abitazione è stata travolta da una frana mercoledì sera verso le 18.00 a Bombinasco, frazione di Curio nel Malcantone. Nell'abitazione si trovavano una donna di 31 anni la sua bambina di tre.

I soccorritori hanno confermato in una conferenza stampa tenutasi in tarda serata che a causa del maltempo sono ben 1'000 i metri cubi di terreno che hanno raso al suolo l'abitazione. In buona sostanza, un fronte di circa 150 metri di bosco è precipitato a valle, generando una colata di fango immensa che ha investito lo stabile - un rustico riattato -, del quale ha resistito soltanto una parte del piano terra.

Alle ricerche hanno partecipando un'ottantina di persone,  con cani da ricerca e telecamere termiche. Il terreno è stato messo in sicurezza e la polizia cantonale ha provveduto a isolare una vasta zona attorno al punto della frana, verificatasi in un'area piuttosto impervia dell'alto Malcantone. Ai microfoni della RSI il sindaco di Curio, Paolo Colin, ha rimarcato che dove si è verificato lo smottamento era una zona che finora non aveva mai dato particolari problemi.

L'intensità delle precipitazioni nella zona dove è avvenuta la frana
L'intensità delle precipitazioni nella zona dove è avvenuta la frana (rsi)

Il Corpo dei pompieri di Lugano è sul posto con gli uomini dell’Unità di Intervento Tecnica. Attivi nei soccorsi anche i vigili del fuoco di Novaggio, la Croce Verde di Lugano, la società svizzera per cani da catastrofe (REDOG) con unità cinofile specializzate e la polizia cantonale. Nell'area si sono recati pure il geologo cantonale e la guardia forestale.

Le forti piogge che hanno colpito il Luganese da lunedì e il violento temporale avvenuto mercoledì pomeriggio hanno provocato parecchi disagi nella zona. A Sessa un riale è fuoriuscito dai suoi argini allagando il pianoterra di alcune case, mentre si è chiusa a titolo precauzionale la strada tra Astano e Banco di Bedigliora per ragioni di sicurezza.

Red. MM/EnCa

DALLA RADIO

 

Condividi