Il tragitto del camion
Il tragitto del camion

Minusio, l'eroe è un vallesano

L’uomo che ha fermato la corsa del camionista ubriaco a Mappo è un turista 50enne

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La persona che sabato sera a Minusio ha avuto la prontezza di togliere le chiavi dal camion che aveva imboccato in contromano Via San Gottardo dalla rotonda del porto di Mappo è un turista domiciliato in Vallese, nel Locarnese per alcuni giorni di vacanza.

Grazie alla prontezza di spirito che lo ha portato a salire nella cabina, approfittando di una sosta del mezzo pesante, ha impedito al 49enne conducente polacco, risultato ubriaco, di rimettersi al volante dopo che aveva già travolto la segnaletica stradale, distrutto un tratto di recinzione, invaso la corsia ciclabile e urtato un ciclista ferendolo leggermente.

Il suo gesto l’ha portato subito a essere considerato un eroe, ma lui non sembra sentirsi tale. L’abbiamo raggiunto per farci raccontare quanto è capitato e come gli sia venuto in mente di salire nella cabina del mezzo pesante avendo notato che l’autista era sceso. Il 50enne ha preferito non farsi intervistare e mantenere l’anonimato.

Notiziario 20.00 del 24.10.21
Notiziario 20.00 del 24.10.21
 

L’autista è finito subito in detenzione preventiva a disposizione degli inquirenti e la patente non la rivedrà per un po’. Non è invece ancora noto perché alle 18.30 di un sabato abbia attraversato Tenero a bordo del suo grosso automezzo diretto verso Locarno sulla cantonale. Lo stato di inattitudine alla guida potrebbe invece forse spiegare perché a Mappo abbia deciso di infilarsi sotto il cavalcavia dell’A13 dirigendosi verso la riva del Verbano invece di proseguire sulla strada principale.

Diem
Condividi