La sperimentazione dovrebbe partire a inizio aprile (RSI)

Mobilità: sostenibile e integrata

Una corsia preferenziale per il car pooling sarà sperimentata al valico di Brusata a Novazzano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una corsia preferenziale per chi condivide l'automobile per recarsi al lavoro: è una delle misure pensate oggi, lunedì, al Teatro dell'architettura di Mendrisio per agevolare il transito dei frontalieri tra la Lombardia e il Ticino. Sarà sperimentata al valico di Brusata a Novazzano e farà parte di un disegno più ampio di mobilità integrata.

La regione italiana e il cantone uniscono così le forze concretizzando le intenzioni già messe nero su bianco nella road map sottoscritta lo scorso 17 dicembre. Dopo anni di investimenti in infrastrutture, soprattutto quelle ferroviarie, ora si tratta di migliorare le offerte tra gomma e rotaia (ma anche della navigazione), la qualità dell'accesso alle reti di trasporto pubblico e di informare l'utenza che tutto questo esiste.

Il progetto si chiama SMISTO, che sta per Sviluppo della mobilità integrata e sostenibile tra Ticino e Lombardia. “Il progetto mira a portare benefici al traffico nella parte sud del cantone”, spiega alla RSI il consigliere di Stato e direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali.

Si tratta di un progetto interreg, finanziato da Confederazione e Unione Europea, dal costo di due milioni e settecentomila franchi, di cui un milione versato dalla Svizzera. Primo passo concreto è appunto una corsia preferenziale per chi pratica il car pooling. Domani sarà pubblicato sul foglio ufficiale: la fase sperimentale, salvo ricorsi, dovrebbe partire a inizio aprile e durerà un anno.

L'auto condivisa ha la corsia preferenziale

L'auto condivisa ha la corsia preferenziale

Il Quotidiano di lunedì 25.02.2019

 
CSI-AB/ludoC
Condividi