997 posti: gli spettacoli al LAC vanno avanti (Ti-press)

Mostra rinviata, teatro confermato

A Lugano il LAC opta per due strade: la mostra “Monet, Cézanne, Van Gogh...” è rinviata a maggio, ma gli spettacoli vanno avanti. Badaracco: “Abbiamo 997 posti”

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

A Lugano, a causa dell'emergenza coronavirus, è stata posticipata al 10 maggio l’inaugurazione dell’esposizione del MASI “Monet, Cézanne, Van Gogh...” con i capolavori della collezione Emil Bührle, mostra che avrebbe dovuto aprire i battenti a metà marzo al LAC.

L’asticella di oltre 1’000 persone posta dal Consiglio federale, oltre la quale gli eventi devono venire annullati, non tocca però la sala spettacoli del LAC, dove questo numero non è raggiunto, anche se per poco.

“Svolgeremo tutte le attività al LAC normalmente – spiega ai microfoni RSI il capodicastero cultura sport ed eventi a Lugano Roberto Badaracco – perché la sala teatro arriva esattamente a 997 persone. Vogliamo anche dare un segnale, quello di non ripiegarci e di non avere paura, perché se annullassimo tutto oltre al danno economico daremmo un cattivo segnale verso la popolazione”.

CSI/dielle
Condividi