Il veicolo è stato sequestrato
Il veicolo è stato sequestrato (© tipress)

Moto "pirata" a Paradiso

Il centauro italiano stava sfrecciando sulla strada cantonale a 107 km/h - Sequestrato il veicolo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La polizia lo ha "pizzicato" mentre sfrecciava a più del doppio della velocità consentita: 107 chilometri orari, sui 50 permessi lungo quel tratto. Il pirata della strada è un centauro italiano, che dal centro di Lugano stava raggiungendo, attorno alle 17.30 giovedì, la Forca di San Martino. Ma la sua corsa è terminata prima. A Paradiso l’emule di Valentino Rossi è incappato infatti nel radar mobile degli agenti, che hanno poi provveduto a sequestrargli il veicolo (una moto di grossa cilindrata) e a intimargli il divieto di circolare sul territorio svizzero.

Dell’eventuale, probabile ritiro della patente si occuperà ora l’Ufficio giuridico di Camorino. L’uomo, difeso dall’avvocata Sabrina Aldi, è stato inoltre denunciato al Ministero pubblico. Il reato ipotizzato è quello d’infrazione grave alle norme sulla circolazione stradale.

Francesco Lepori

Condividi