Immagine d'archivio
Immagine d'archivio (©Tipress)

No Billag, il PLR dice "no"

Il Comitato cantonale riunitosi a Gordola è invece favorevole all'altro oggetto in votazione: il nuovo ordinamento finanziario

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il PLR ticinese, riunito in comitato cantonale a Gordola, ha bocciato compatto l’iniziativa No Billag (un solo voto a favore) e un'altrettanto solida maggioranza ha approvato il nuovo ordinamento finanziario.

Oltre alle indicazioni di voto in vista del prossimo 4 marzo il parlamentino liberale radicale ha pure bocciato all’unanimità il referendum contro la riforma cantonale fiscale e sociale.

In apertura di lavori il presidente del PLR ha lanciato il prossimo appuntamento elettorale a Mendrisio per la poltrona di sindaco. “Siamo determinati ad affrontare questa sfida, rendiamo meno facile la vita al consigliere nazionale Marco Romano” ha detto Bixio Caprara lanciando la candidatura di Samuele Cavadini. Caprara si è anche detto preoccupato delle troppe decisioni prese e delle leggi introdotte che poi “cadono con un soffio di vento”, riferendosi in particolare ai ricorsi sulla LIA e al controllo sistematico dei nuovi permessi approvato settimana scorsa dal Gran Consiglio ticinese. Da qui la critica alle altre forze politiche che scelgono quelle che ha definito “scorciatoie”.

Quot/SP

 

Condividi