Malattia fatale per i suini, non per l'uomo
Malattia fatale per i suini, non per l'uomo (tipress)

Peste suina, come prevenire

Il canton Ticino ha elaborato una serie di raccomandazioni per la popolazione - La malattia non è arrivata in Svizzera ma è vicina ai confini

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La peste suina (PSA) non è stata riscontrata finora in Svizzera, ma i recenti casi in Italia (Piemonte e Liguria) e in Germania aumentano il rischio. Per evitare di importarla, anche la popolazione deve fare la sua parte e il Canton Ticino ha per questo deciso di rafforzare la sensibilizzazione.

La malattia è innocua per l'uomo, ma mortale per gli animali che si infettano fra loro per contatto diretto ma anche attraverso superifici contaminate, che possono essere quelle di stivali o mezzi di trasporto. Il virus rimane attivo anche per mesi nell'ambiente o nelle carni. Come prevenire quindi? Evitando di spargere rifiuti alimentari nelle natura o di usarli per nutrire animali selvatici e suini, ma anche non portando con sé prodotti a base di carne al rientro da zone dove la PSA è presente. Infine, il ritrovamento di carcasse di cinghiale va prontamente segnalato al veterinario cantonale (091/814.41.08 o pestesuina@ti.ch).

 

Accanto alla campagna di prevenzione, il Cantone ha formato un gruppo di lavoro incaricato di valutare le possibili evoluzioni anche sul territorio elvetico e gli eventuali scenari di intervento.

 
pon
Condividi