Il club di Riazzino aveva riaperto sabato scorso (Ti-Press)

Porte di nuovo chiuse al Vanilla

Il limite di 100 persone ha spinto i responsabili del club ad annullare le serate previste per il fine settimana

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Da questa sera scatta il limite di 100 persone presenti nei locali pubblici ticinesi. La misura urgente presa dalle autorità per lottare contro il coronavirus rappresenta un cambiamento importante per discoteche e locali notturni.

Il Vanilla Club di Riazzino, che aveva riaperto i battenti sabato scorso, ha deciso di chiudere dopo una sola serata. "Comprendiamo i rischi e pericoli di questa situazione e di una seconda ondata, purtroppo eravamo consapevoli che non era una situazione facile da gestire - spiega Daniel Perri, del gruppo Vanilla - eravamo pronti ad aprire già da questa sera, per venerdì e sabato, ma chiudiamo".

 

I bar si adattano

La nuova misura tocca anche i bar ma al Fermento non sono stati presi in contropiede. Dopo quanto successo a Bellinzona erano state preventivate misure più severe, spiega il responsabile Domenico Pagnotta. Per la raccolta dati erano già pronti dei modelli pronti da far compilare ai clienti e il sistema sarà rafforzato con una persona incaricata di verificare la veridicità dei dati.

Un appello per la mascherina

Le autorità ticinesi hanno anche raccomandato al personale di ogni esercizio pubblico di indossare la mascherina. Una raccomandazione che ripete anche Massimo Suter, presidente di GastroTicino. Una misura a protezione dei clienti ma anche del personale stesso.

Cinque misure per contenere i focolai

Cinque misure per contenere i focolai

Il Quotidiano di venerdì 03.07.2020

Restrizioni nei bar, le reazioni di categoria

Restrizioni nei bar, le reazioni di categoria

Il Quotidiano di venerdì 03.07.2020

 
CSI / sf
Condividi