Al quattordicesimo piano del Civico trova spazio il reparto di psichiatria per i giovani fino ai 16 anni (Ti-Press)

Psichiatria, fare di più per i più giovani

Un reparto dedicato ha aperto poco più di un anno fa all’ospedale Civico, ma la soluzione è temporanea e si punta su una struttura dedicata

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Da poco più di un anno in Ticino, all’ospedale Civico, è attivo un reparto che si occupa di ragazze e ragazzi che hanno bisogno di cure psichiatriche, in modo che non vengano presi a carico in cliniche per adulti.

Al quattordicesimo piano del Civico, il reparto di pediatria è stato diviso in due per mettere a disposizione cinque letti. Da quando ha aperto, spiega la dottoressa Sabrina Brondolo, capo servizio, sono circa 60 i pazienti accolti, tra gli 11 e i 16 anni, con una maggioranza di ragazze. Se il bilancio è positivo, grazie alla collaborazione di diversi enti, Brondolo non nasconde che il sovraccarico di lavoro non sempre consente una risposta adeguata e completa.

La soluzione proposta al Civico, una novità assoluta in Ticino, è comunque temporanea. La pianificazione sociopsichiatrica cantonale prevede infatti di creare un’unità di cura integrata. Un progetto importante secondo il dottor Domenico Didiano, specializzato in psichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza, perché è necessaria una struttura pensata appositamente per la cura dei più giovani, come già esistono nella Svizzera tedesca e francese.

Attorno al piano, sottolinea il dottor Rafael Traber, direttore sanitario dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale, negli ultimi anni si è creato un consenso nel mondo della sanità ma anche della politica ed è ottimista sulla sua realizzazione. I dieci posti letto previsti, il centro diurno e l’offerta di cura a domicilio dovrebbero permettere di rispondere in modo adeguato ai bisogni della popolazione.

Per vedere nascere la nuova realtà sarà comunque necessario ancora tempo: la pianificazione sociopsichiatrica arriverà sui banchi del Consiglio di Stato nelle prossime settimane e solo in seguito potrà iniziare l’iter parlamentare.

Seidisera/sf
Condividi