Tra i 15 comuni senza candidati figura anche Cerentino che ebbe anche un consigliere di Stato: Domenico Pedrazzi in carica a metà Ottocento
Tra i 15 comuni senza candidati figura anche Cerentino che ebbe anche un consigliere di Stato: Domenico Pedrazzi in carica a metà Ottocento (©Ti-Press/Tatiana Scolari)

Quei 14 comuni senza neanche un candidato

Le quasi 1'000 persone in corsa per un seggio alle elezioni cantonali sono domiciliate in 9221 dei 106 comuni ticinesi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La campagna elettorale in vista del 2 aprile non coinvolgerà tutte le località del Ticino allo stesso modo e in alcuni comuni, probabilmente, sarà guardata con un certo distacco non essendoci un coinvolgimento diretto di un concittadino nella contesa per la conquista di uno dei cinque seggi in Consiglio di Stato o di uno dei 90 posti in Gran Consiglio.

Malgrado il numero senza precedenti di candidati, 14 comuni su 106 (circa il 14%) infatti già sanno che non avranno un rappresentante a Palazzo delle Orsoline. E ciò indipendentemente dall’esito delle verifiche delle proposte di candidatura che impegneranno la Cancelleria fino al 6 febbraio e, soprattutto, dello spoglio dei risultati che si concluderà lunedì 3 aprile con la proclamazione degli eletti in Parlamento. Non sono stati esclusi d’ufficio, ma nessun partito ha messo in lista un loro residente.

In gran parte, come immaginabile, si tratta di paesi piccoli e periferici, geograficamente lontani da Bellinzona, come Bedretto, Bosco Gurin, Dalpe, Campo Vallemaggia, Cerentino, Linescio, Miglieglia. Brusino Arsizio, Astano o Prato Leventina. Ma non solo. A non avere neanche un candidato ci sono anche realtà come Grancia, Personico, Mergoscia e Brione sopra Minusio.

In maggioranza (11) sono località del Sopraceneri che, alla luce delle candidature depositate lunedì sera, sconta una leggera sottorappresentanza rispetto alla sua popolazione di 150'000 persone che rappresenta poco meno del 43% del totale cantonale (350'000). I candidati domiciliati a nord del Monte Ceneri sono 371, pari al 38,6% del totale. Il Sottoceneri (200’000 abitanti), di riflesso, con il 57,2% della popolazione, è leggermente sovrarappresentato avendo 590 candidati su 961 (il 61,4%).


A livello distrettuale il Locarnese, con 144 candidature al Parlamento e sei al Governo (il 15,61%), è quello che ha una quota di candidati più lontana dal suo peso specifico, calcolato considerando unicamente la popolazione (è il 18,16% del totale cantonale). Seguono Riviera, Maggia, Leventina e Blenio. Sull'altro fronte (quello di chi vanta più candidati del proprio peso in termini di abitanti) ci sono Lugano, Mendrisio e Bellinzona, le tre realtà cittadine che negli ultimi anni sono state protagoniste dei processi aggregativi anche partitici e nelle quali si concentrano i voti avendo poco meno di un terzo dei 225'000 gli iscritti nel catalogo elettorale cantonale.

AVVERTENZA

I dati riportati sono stati ricavati dalle liste inviateci dai partiti che ringraziamo per la collaborazione.

Nella prima versione dell'articolo era indicato che i comuni senza candidati sono 15. In realtà sono 14. È emerso dopo che il PLR ci ha informato di aver indicato erroneamente il domicilio di una candidata che è di Lavizzara e non di Avegno-Gordevio.

Se doveste avere notizia di altre imprecisioni segnalatecele a elezioni2023@rsi.ch.

 

Diem
Condividi