È stato riscontrato amianto durante gli scavi per la seconda canna al San Gottardo. (Keystone)

San Gottardo: rischio amianto nel cantiere

Durante lo scavo della seconda canna del tunnel autostradale è stata rinvenuta actinolite. Misure di protezione per gli operai e la popolazione di Airolo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I minatori che lavorano nel cantiere della seconda galleria stradale del San Gottardo hanno scoperto materiali che potrebbero contenere amianto. Ragion per cui sono state prese misure adeguate a proteggere i lavoratori e la popolazione. Lo rende noto venerdì l'Ufficio federale delle strade (USTRA).

Actinolite è stata scoperta durante i lavori di perforazione per la galleria di accesso nel granito, precisa l'USTRA in un comunicato stampa. È possibile che durante i lavori di perforazione siano rilasciate "piccole quantità di fibre di amianto". Se penetrano nei polmoni, non si può escludere un rischio per la salute.

 

Sono state pertanto adottate misure tecniche e organizzative a tutela dei lavoratori. Devono in particolare indossare mascherine protettive di tipo FFP3. Gli esperti dovranno rilevare depositi critici di amianto e le persone interessate saranno addestrate alla manipolazione di rocce che potrebbero contenere questa sostanza.

Si sono state inoltre prese misure per proteggere la popolazione e l'area circostante il cantiere. I materiali di scavo contenenti fibre di amianto sono depositati "in condizioni di sicurezza e a norma di legge" nella discarica finale situata ad Airolo mentre quelli trasportati sono lavati e coperti al fine di trattenere la polvere e impedire il rilascio di fibre.

I controlli sulla qualità dell'aria sono effettuati lungo tutto il percorso dei materiali di scavo, dal tunnel all'area di stoccaggio, aggiunge l'USTRA. E a suo avviso, non c'è mai stato alcun rischio per l'ambiente e assicura che il sito "continuerà ad adottare tutte le misure di sicurezza per garantire che la popolazione non sia esposta ai rischi legati alle fibre di amianto".

Una situazione analoga si era verificata una decina di anni fa anche durante i lavori di scavo della galleria di base del Monte Ceneri.  L'actinolite si trova naturalmente sotto forma di cristalli, è uno dei minerali classificati come "asbesto" e può quindi rappresentare un pericolo per la salute.

Via ai lavori per il raddoppio del San Gottardo

Via ai lavori per il raddoppio del San Gottardo

Il Quotidiano di mercoledì 29.09.2021

ATS/EnCa
Condividi