Una sentenza che farà giurisprudenza
Una sentenza che farà giurisprudenza (tipress)

Sesso a casa del cliente, si può

Due prostitute assolte in pretura penale. La sentenza è una prima e dovrebbe fare chiarezza sull'interpretazione della nuova legge

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una prostituta può raggiungere un cliente al suo domicilio o in una camera d'albergo? No, secondo l'interpretazione che polizia cantonale e ministero pubblico danno alla legge sull'esercizio della prostituzione, sì invece secondo il giudice Marco Kraushaar, che ha pronunciato la prima sentenza in materia, facendo chiarezza su un tema che ultimamente aveva animato anche il dibattito politico, dando origine a un'interrogazione del granconsigliere liberale radicale Matteo Quadranti.

CSI 18.00 dell'11.10.2020 La voce di Matteo Quadranti
CSI 18.00 dell'11.10.2020 La voce di Matteo Quadranti
 

In pretura penale, Kraushaar ha assolto due donne di 30 e 21 anni, che erano state condannate a una multa per decreto d'accusa sulla base della norma in vigore dallo scorso anno. Altre professioniste del sesso erano state denunciate per il medesimo motivo.

CSI 18.00 dell'11.10.2020 Il servizio di Darco Degrussa
CSI 18.00 dell'11.10.2020 Il servizio di Darco Degrussa

La sentenza è di primo grado e quindi non definitiva: l'accusa ha la facoltà di ricorrere. Stando agli inquirenti, il servizio può essere offerto solo in un appartamento in affitto o di proprietà o in un locale a luci rosse.

CSI/pon
Condividi