Erano accampati da luglio
Erano accampati da luglio ( ©Ti-Press / Francesca Agosta)

Sgombero al parco e volantini

A Como rimosso l'accampamento dei migranti, ora trasferiti nel nuovo centro. Spunta volantino ostile alla struttura

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il giorno dopo il marciapiede del binario 1 e il portico della stazione di Como, tocca ora al parco adiacente San Giovanni: addetti della Aprica, l'azienda che si occupa della nettezza urbana, affiancati dalle forze dell'ordine, hanno iniziato oggi (giovedì) a rimuovere le tende e il materiale dell'accampamento che da luglio era occupato da centinaia di migranti. Lo riferisce il sito del quotidiano la Provincia di Como.

Nel nuovo campo container per 300 persone
Nel nuovo campo container per 300 persone (© Ti-Press / Pablo Gianinazzi)

La fase di emergenza si conclude nella calma, anche perché ormai la grande maggioranza degli ospiti del campo si è trasferita nel nuovo centro da 300 posti di Via Regina, gestito dalla prefettura con Caritas e Croce Rossa. Quasi inutilizzato a inizio settimana, è ora pieno.

Intanto in giornata è stato affisso in vari punti di Como un volantino contro il nuovo campo e la Croce Rossa, nel quale gli ideatori dell'iniziativa bollano la struttura come "un lager", gli alloggi "orridi container", il trattamento dei singoli "come un oggetto" e lo spostamento in quella sede una "deportazione".

pon/EnCa

Condividi