Attività già frenetica al centro per i test e i vaccini per il Moesano allestito a Cama presso il servizio Spitex (RSI)

Test a tappeto in tutti i Grigioni

Il cambiamento di rotta deciso dal Consiglio di Stato: i tamponi saranno eseguiti in 10 centri regionali, nelle scuole e nelle aziende

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I Grigioni hanno deciso di lottare contro la pandemia da Covid-19 facendo capo ai test di massa. La strategia di vaccinazione e di verifica su larga scala delle positività annunciata giovedì dal Consiglio di Stato fino ad agosto costerà 25 milioni di franchi e poterà il cantone ad assumere un ruolo pionieristico.

 

La svolta è stata decisa dall'Esecutivo retico dopo che i progetti pilota realizzati nelle valli meridionali (tra cui anche Valposchiavo e Bregagia) lo scorso dicembre hanno dimostrato che i test ripetuti sono un mezzo adeguato per interrompere precocemente le catene di trasmissione del coronavirus, bloccando i contagi anche da parte di persone asintomatiche. In tutte le regioni coinvolte, ha sottolineato il Governo, il numero di nuove infezioni è diminuito per almeno cinque giorni. Grazie ai regolari test di conferma, nella regione Bernina la tendenza si è addirittura mantenuta finora.

L'ubicazione dei centri regionali per la vaccinazione e i test
L'ubicazione dei centri regionali per la vaccinazione e i test (gr.ch)

La strategia cantonale di vaccinazione e di test, sempre su base volontaria, comprende la gestione di nove centri regionali ubicati a Cama, Poschiavo, St. Moritz, Thusis, Davos, Scuol, Coira, Schiers e Ilanz. Inoltre a Samedan vi sarà un centro dedicato unicamente ai test. Ma non solo. Sono previsti test a cadenza regolare e su larga scala anche negli istituti scolastici e nelle aziende che coinvolgeranno dipendenti delle ditte, allievi, apprendisti, studenti, insegnanti.

Test antigenici rapidi e test salivari

L'esperienza acquisita nelle scuole di Malans e Schiers, dove oltre ai test antigenici rapidi sono stati utilizzati anche i test salivari PCR, hanno permesso di accertare che entrambi i metodi possono essere utilizzati per prove ripetute. Il test salivare PCR sarà utilizzato soprattutto nelle aziende e nelle scuole grazie alle applicazioni in loco e alla maggiore sensibilità. Quello antigenico rapido sarà invece impiegato per i test a tappeto nelle regioni e nei comuni al fine di identificare e contenere i contagi, ma soprattutto per rilevare eventuali particolarità nell'evoluzione del numero di casi a livello locale nonché per effettuare studi delle insorgenze.

 

La strategia di test e di vaccinazione dovrebbe anche permettere di portare a termine la stagione turistica invernale. Il consigliere di Stato Marcus Caduff, capo del dipartimento dell'economia pubblica, ha sottolineato la necessità di un'alternativa alle attuali restrizioni.

Distribuzione del vaccino e team di vaccinazione mobili

Nei Grigioni ci si prepara al vaccino

Nei Grigioni ci si prepara al vaccino

Il Quotidiano di martedì 12.01.2021

 

Le vaccinazioni a livello cantonale sono iniziate il 4 gennaio. La strategia prevede un coinvolgimento a tappe di tutti i 9 gruppi di priorità in cui è stata suddivisa la popolazione. I primi coinvolti sono stati ospiti e personale delle case per anziani e di cura. Il 12 gennaio sono iniziate le inoculazioni anche per gli over 75 e gli adulti più a rischio a causa di malattie croniche. Poi, man mano, seguiranno: i 65-74enni, le persone fino ai 65 anni con malattie croniche, il personale socio-sanitario, gli adulti che vivono con persone appartenenti ai gruppi più a rischio, gli under 65 ospitati in istituti e, infine, tutti gli altri abitanti dei Grigioni.

Vaccinazioni presso i medici di famiglia non prima del 22 febbraio

L'atteso Moderna è in arrivo

L'atteso Moderna è in arrivo

Il Quotidiano di martedì 12.01.2021

 

Non appena vi saranno vaccini a sufficienza, questi ultimi saranno distribuiti ai centri di vaccinazione delle regioni sulla base di una chiave di ripartizione definita. A seguito dell'avvenuta omologazione del vaccino di Moderna si prevede di coinvolgere anche i medici di famiglia nel processo di vaccinazione. Tuttavia, a seguito della quantità di vaccino limitata, ciò non dovrebbe però avvenire prima del 22 febbraio.

La strategia vaccinale nei Grigioni

La strategia vaccinale nei Grigioni

Il Quotidiano di giovedì 14.01.2021

 
ATS/Diem/RG
Condividi