Paesaggi da cartolina
Paesaggi da cartolina (keystone)

Turismo invernale, male il Ticino

Stagione sotto tono e in controtendenza rispetto ai risultati nazionali - Bene i Grigioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La stagione invernale 2017/2018 è stata positiva per gli alberghi svizzeri: le prenotazioni sono aumentate del 4,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, l’equivalente di 16,5 milioni di notti.

In totale controtendenza il Ticino che invece ha registrato una perdita del 9,2% (61'000), il peggior risultato a livello nazionale. I Grigioni al contrario sono in linea con il dato elvetico (+5,6%; +146'000 notti).

Fra novembre e aprile la domanda interna è progredita del 3,5% (7,8 milioni) e quella straniera del 5,6% (8,7 milioni). Molti gli europei che scelgono la Confederazione, sono soprattutto tedeschi, inglesi e francesi. La Svizzera viene apprezzata pure da cinesi, indiani e coreani del sud. In aumento anche i turisti provenienti dai paesi del Golfo (+3,4%). I dati sono stati forniti giovedì dall’Ufficio federale di statistica.

"La gente ha preferito andare a sciare"

“L’inverno per il Ticino è bassa stagione”, afferma ai nostri microfoni Elia Frapolli, direttore di Ticino Turismo, spiegano i motivi di questa flessione: “Le condizioni metereologiche hanno influito: ottime condizioni di innevamento a nord, anche a marzo e aprile, e maltempo a sud del San Gottardo”.

Frapolli aggiunge che in Ticino il turismo della neve genera movimento interno ma non pernottamenti: “Non è un turismo invernale come quello a nord delle Alpi”.

Inoltre, nel 2018 la Pasqua è caduta molto presto: “Faceva freddo e le montagne erano ricoperte di neve: la gente ha preferito andare a sciare”.

 

ATS/AlesS/ludoC

Tonfo dei pernottamenti in Ticino

Tonfo dei pernottamenti in Ticino

Il Quotidiano di giovedì 07.06.2018

 

Condividi