La 'ndrangheta, si è infiltrata stabilmente anche in Svizzera (©Ti-Press )

"Una cosca in espansione"

Il sostituto procuratore di Catanzaro, Antonio De Bernardo, dopo il blitz tra Italia e Svizzera - Nel mirino la 'ndrina Anello-Fruci, anche in Ticino

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Una cosca molto vitale e con una tendenza espansionistica molto spiccata, sia sul territorio che negli affari. Così ai microfoni della RSI il sostituto procuratore di Catanzaro, Antonio De Bernardo, definisce la 'ndrina Anello-Fruci (una delle cosche più importanti del Vibonese) all'indomani dell'imponente operazione anti-'ndrangheta condotta fra Italia e Svizzera e che ha lambito anche il Ticino, dimostrando, per l'ennesima volta, quanto la 'ndrangheta si sia infiltrata stabilmente anche in Svizzera.

 

L'inchiesta in Ticino - Le autorità comunali: "Fulmine a ciel sereno"

Intanto il 59enne residente in Ticino, finito sotto inchiesta e indagato a piede libero, continua a respingere ogni coinvolgimento. La sua posizione rimane la stessa: dice di conoscere il boss (come aveva detto ieri anche la moglie), ma lo definisce "un amico di lunga data" e basta.  Il reato ipotizzato per l'indagato è di sostegno o partecipazione a un'organizzazione criminale.

Il sindaco del comune della cintura di Lugano (dove l'uomo è impiegato da diversi anni come operatore ecologico), parla di un fulmine a ciel sereno. Le autorità hanno saputo dell'inchiesta dai media. Stasera (mercoledì), con tutta probabilità, il Municipio ne discuterà in seduta, ma per valutare eventuali provvedimenti si attende l'esito dell'inchiesta.

Sviluppi ndrangheta

Sviluppi ndrangheta

Il Quotidiano di mercoledì 22.07.2020

Mafia in Svizzera

Mafia in Svizzera

TG 20 di mercoledì 22.07.2020

 
C. Luzzani/R. Lara/M. Ang.
Condividi