Da ottobre potrebbero rivedersi concerti gremite (Ti-Press)

"Una decisione un po' azzardata"

La sanità ticinese ha commentato la scelta della Confederazione di abolire il limite di mille persone per i grandi eventi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La decisione del Consiglio federale di rendere possibili le manifestazioni con oltre 1'000 persone, previa autorizzazione dei Cantoni, è un po' azzardata anche per la sanità ticinese. "Abbiamo sempre visto che i grossi assembramenti rappresentano il problema maggiore, perché è difficile ricostruire la catena dei contatti e serve poi molto tempo per contattare tutti", ha commentato il medico Christian Garzoni.

La Task Force della Confederazione sperava addirittura di abbassare il numero di persone per questi avvenimenti e non è la prima volta che le autorità prendono decisioni che hanno fatto storcere il naso al settore medico. Il presidente dell'ordine dei medici Franco Denti, che avrebbe preferito si attendesse la fine dell'anno, pone inoltre l'accento sulla percezione della popolazione: "I contagi in Ticino sono ancora fortunatamente bassi. La gente vede che non ci sono ricoveri e morti e quindi diventa più complicato far passare il messaggio che siamo ancora in una pandemia e che ci aspetta un autunno pieno di punti interrogativi". Gli esperti indicano tuttavia come aspetto positivo il fatto che l'allentamento sarà effettivo solo a partire dal 1° ottobre.

Allentamenti decisi da Berna, medici divisi

Allentamenti decisi da Berna, medici divisi

Il Quotidiano di giovedì 13.08.2020

 
FD/CSI
Condividi