Vini esemplari in Ticino

Sempre meno residui fitosanitari nei Merlot prodotti sul territorio cantonale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I vini ticinesi sono sempre più puri e mostrano gli importanti progressi della strategia messa in atto dai produttori locali volta a limitare l’utilizzo dei prodotti fitosanitari. È quanto emerso dalle analisi effettuate su 16 Merlot locali, i cui risultati sono stati presentati venerdì. La ricerca è stata portata avanti dall'Interprofessione della vite e del vino, dalla Sezione dell'agricoltura, dal Laboratorio cantonale e da Agroscope.

Rispetto alla campagna nazionale 2016, nella quale la percentuale era del 7%, ben il 70% dei prodotti analizzati conteneva al massimo due residui di fungicidi. Totalmente assenti invece erbicidi, soprattutto l’ormai diffuso glifosato, insetticidi e acaricidi.

Cambiare le pratiche di trattamento delle piante e adottare una strategia univoca resta, però, molto complesso dato che ogni terreno ha particolari caratteristiche e, soprattutto, ogni anno presenta differenze tangibili in termini climatici.

L’obiettivo di una produzione totalmente biologica resta difficilmente raggiungibile, ma i risultati incoraggianti mostrano che è possibile produrre vini con pochissimi residui.

Fitofarmaci e vino

Fitofarmaci e vino

Il Quotidiano di venerdì 15.11.2019

 
AnP
Condividi