(Ti-Press / Benedetto Gall)

Bus per frontalieri? Prima il car pooling

Prevista la creazione nell'Olgiatese di parcheggi per lavoratori che condividono l'automobile, poi si discuterà del trasporto pubblico dall'Italia verso il Ticino

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dal car pooling, la condivisione dell'auto, ad una linea di bus che dovrebbe servire i frontalieri di una quindicina di comuni comaschi dell'Olgiatese. È un'idea che sta pian piano prendendo la forma di un progetto, condiviso al di qua e al di là del confine.

“L’interesse è reciproco, ma è qualcosa da portare avanti a piccoli passi”, ha spiegato ai nostri microfoni Maria Rita Livio , sindaca di Olgiate Comasco. Interesse condiviso anche dalla Commissione regionale trasporti del Mendrisiotto: “Attualmente ci sono problemi con il car polling, legati al fatto che molti frontalieri posteggiano in modo selvaggio nei comuni italiani per poi recarsi in Svizzera con un unico mezzo per più persone”, spiega Mauro Carobbio , presidente della Commissione regionale dei Trasporti del Mendrisiotto. “Bisognerebbe dunque definire un contingente preciso di posti auto per comune, da dedicare esclusivamente ai lavoratori frontalieri che poi condividono l’automobile”.

La prima fase del progetto per collegare meglio i frontalieri olgiatesi al Ticino prevede proprio questo, la realizzazione di parcheggi ad hoc per lavoratori italiani in Svizzera. I comuni italiani si attiveranno in questo senso per dare un’indicazione concreta in merito alla loro localizzazione.

Ma si ipotizza anche una linea di bus verso il nostro cantone?

“Se i parcheggi per il car pooling funzionano e sono sempre pieni – spiega Carobbio – sarebbero un buon punto di raccolta per i frontalieri che poi potrebbero essere serviti da una linea di trasporto pubblico”. Questa, tuttavia, dovrà essere definita anche alla luce dei costi che genererebbe e che dovrebbero essere ripartiti sulla base della territorialità. Intanto è previsto un incontro tra la Commissione regionale dei Trasporti del Mendrisiotto ed i sindaci dell’Olgiatese una volta definita la rete di posti auto, per monitorarne il funzionamento.

CSI/Red.MM-LudoC


Condividi