Emmanuel Carrère
Emmanuel Carrère (RSI)

Incontriamo Carrère

Lo scrittore francese è a Locarno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'inaugurazione di L'immagine e la parola (parte della Primavera locarnese), nella cornice magnifica della Fondazione Ghisla, ha proposto un Emmanuel Carrère sorridente, disteso, rilassato e ben disposto a una chiacchierata.

 

L'autore di Limonov, reduce dal tour promozionale italiano del suo nuovo romanzo Il regno, è tornato a calcare i sentieri d'inizio carriera, quando in veste di critico cinematografico frequentava i festival, Locarno compreso.

 

Rispetto al ricordo evocato dallo scrittore si era in realtà al 1993. La sua presenza suscitò ben meno clamore di adesso, perché non era ancora assurto a scrittore di culto. Era ancora di là da venire anche la sua produzione registica, che viene presentata al pubblico locarnese in questi giorni.

Della serie tv Les revenants, trasmessa anche dalla RSI, si è occupato in fase di scrittura. Interessante il punto di vista espresso sulla serialità come fenomeno emergente nel panorama audiovisivo.

Per quanto riguarda il programma dell'appuntamento pardato di primavera, Carrère ha detto di aver agito come si fa quando si consiglia un film imperdibile agli amici.

L'amica di cui non si è voluto privare, potendo scegliere chi far venire a Locarno, è stata la Golino. Le ragioni:

L'inaugurazione vera e propria è avvenuta al Kursaal con la proiezione di uno dei film scelti in tandem da Carlo Chatrian e Carrère: Menschen am Sonntag (1929), film muto sulla berlino prenazista che si gode il riposo domenicale. Musica dal vivo suonata dal Michael Jaeger KEROUAC quartet.

 

Da Cult TV del 15.3.2015

 

21 marzo — Solo web

Emmanuel Carrère risponde alle domande di Cristina Trezzini

 

 

 
Condividi