Gianfranco Rosi con la meritata statuetta
Gianfranco Rosi con la meritata statuetta (keystone)

L'Orso d'oro va ai migranti

Resi noti i vincitori del 66esimo festival del film di Berlino - Vince Gianfranco Rosi con "Fuocoammare"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’Orso d’oro della 66esima edizione della Berlinale è stato attribuito sabato sera all'italiano Gianfranco Rosi per il suo documentario "Fuocoammare".  Il film, l'unico italiano in concorso quest'anno al festival di Berlino, è ambientato a Lampedusa, isola simbolo del dramma vissuto da migliaia di migranti, raccontata attraverso gli occhi dei suoi abitanti e dei disperati che sbarcano quotidianamente sulle coste della località siciliana.

 

"Quando chiesi al medico perché Lampedusa fosse così generosa, lui mi rispose: noi siamo un popolo di pescatori e i pescatori accettano tutto quello che viene dal mare. Quindi dobbiamo imparare a essere più pescatori anche noi", ha detto il regista ai cronisti mentre si trovava sul tappeto rosso. "Il mio pensiero va a chi non è mai arrivato a Lampedusa", ha aggiunto dopo la premiazione.

Un'immagine tratta dal film
Un'immagine tratta dal film

Gli altri premi principali vanno al bosniaco Danis Tanovic (Gran Premio della giuria) e al filippino Lav Diaz (Premio Alfred Bauer per un film che apre prospettive innovative) che aveva proposto un'opera di otto ore.

L'orso d’argento alla regia è invece stato consegnato alla francese Mia Hansen-Love per la pellicola "L’Avenir".

 

I premi per la miglior interpretazione maschile e femminile sono andati invece rispettivamente al tunisino Majd Mastoura per "Hédi", prima produzione araba in concorso da 20 anni a questa parte e alla danese Trine Dyrholm per Kollektivet. La giuria era presieduta dalla statunitense Maryl Streep.

ludoC

Dal telegiornale

La diretta da Berlino

La diretta da Berlino

TG 20 di sabato 20.02.2016

Berlinale, il palmarès

Berlinale, il palmarès

TG 20 di sabato 20.02.2016

Condividi