Daniela Persico è la curatrice di
Daniela Persico è la curatrice di "L'immagine e la parola" (RSI)

Le donne del cinema

Focus al femminile nella 6a edizione di L'immagine e la parola

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Voci di donne" è il sottotitolo con cui è andata in scena una soddisfacente e frequentata sesta edizione dello spin-off primaverile del Locarno Festival, L'immagine e la parola.

Workshop, incontri e naturalmente proiezioni, tra cui due affollate prime svizzere (la coproduzione della RSI "Figlia mia" e il film premiato a Venezia "Nico 1988") alla presenza delle registe - le italiane Laura Bispuri e Susanna Nicchiarelli - e dei produttori Marta Donzelli e Gregorio Paonessa (Vivo Film), che sull'autorialità femminile hanno puntato con convinzione.

La regista Laura Bispuri (destra) ospite di Rete Due
La regista Laura Bispuri (destra) ospite di Rete Due (RSI)

Numerosi gli argomenti tematizzati nei tre giorni di mini-festival, ad esempio la necessità di arrivare a una maggiore equità di accesso ai finanziamenti cinematografici tra uomini e donne; ma anche la legittimità di un cinema che abbia uno sguardo orientato al femminile ("a proposito del mio ultimo film "Figlia mia" - ha detto la Bispuri - mi hanno accusato di aver inserito troppo poche figure maschili; prima mi sono infuriata e poi invece ho sorriso: mi pare incredibile che con una storia del cinema in cui i film tutti al maschile sono da sempre considerati normalissimi mi sia stata mosso questo appunto"); come pure l'oggettiva difficoltà per le donne lavoratrici di destreggiarsi in un ambiente professionale, quello del cinema, fatto di spostamenti frequenti, orari irregolari e intermittenza dei rapporti lavorativi.

Marco Zucchi

Condividi