Un'altra chitarra di John Lennon è stata esposta in un museo canadese
Un'altra chitarra di John Lennon è stata esposta in un museo canadese (Reuters)

All'asta la Gibson di Lennon

Smarrita nel '63 la chitarra, creata su misura, fu usata per comporre molti brani storici dei Beatles

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una chitarra appartenuta a John Lennon e che fu persa (o rubata) nel 1963 andrà all’incanto il 6 e 7 novembre a Beverly Hills nel corso di un asta-evento che riguarderà svariati idoli del rock n’roll. La Gibson J-160-E, acustica, era una delle favorite del musicista, ucciso a New York alla fine del 1980 da un fan squilibrato, tanto da essere impiegata nella registrazione di svariati pezzi storici del gruppo.

Come ha spiegato Andy Babiuk, autore di un libro sugli strumenti del mitico quartetto di Liverpool, la chitarra fu comprata da John nel 1962 e realizzata su misura per lui. Anche George Harrison comprò uno strumento identico ed entrambi utilizzarono intensamente le Gibson sia nelle registrazioni in studio, sia nei concerti.

 

Proprio con questa chitarra Lennon elaborò il primo grande successo dei Beatles, “Love me do”, come pure “She loves you” e “I want to hold your hand”, prima che sparisse dopo uno spettacolo dei "Fab Four" alla fine del ’63, per riapparire cinquant’anni dopo. Babiuk ritiene che la base d’asta è valutabile tra i 600'000 e gli 800'000 dollari.

Reuters/EnCa

Condividi