Polanski, qui al momento del conferimento del César nel 2014 per la regia di "Venere in pelliccia" (keystone)

César senza vertici

Dimissioni in blocco della direzione dell'Accademia che assegna i riconoscimenti cinematografici in Francia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Restano senza guida gli Oscar francesi del cinema, a 15 giorni dall'assegnazione dei prestigiosi César, dopo le polemiche per il record di nomination al regista Roman Polanski, accusato di violenze sessuali, e le accuse di opacità nella gestione del premio. La direzione ha annunciato ieri sera le proprie "dimissioni collettive".

"Per onorare i protagonisti del 2019 nel cinema - spiega in un documento l'Accademia, presieduta dal 2003 dal produttore Alain Terzian - per ritrovare la serenità e far sì che la festa del cinema rimanga una festa, il consiglio d'amministrazione dell'Associazione per la Promozione del Cinema ha preso la decisione all'unanimità di rassegnare le dimissioni".

"Queste dimissioni collettive - si legge ancora nel comunicato dei César - consentiranno di procedere al rinnovo completo della direzione". Un'assemblea generale è prevista dopo la 45esima cerimonia, in programma il 28 febbraio, e sarà l'occasione per eleggere "una nuova direzione che prepari, sotto l'egida del Centro nazionale del cinema (CNC), le modifiche allo statuto dell'associazione per la promozione del cinema e applichi le misure di aggiornamento annunciate". L'annuncio arriva dopo la pubblicazione, su Le Monde di lunedì scorso, di una lettera aperta firmata da 400 personalità del cinema che ritengono "nebulosa" la gestione del riconoscimento.

ATS/Swing

Riesplode il caso Polanski

Riesplode il caso Polanski

TG 12:30 di venerdì 14.02.2020

Condividi