Le prime sperimentazioni fanno ben sperare (keystone)

Breccia contro il cancro

Dal Politecnico di Zurigo, via Basilea, nuove speranze fondate sull'immunoterapia

martedì 14/11/17 11:33 - ultimo aggiornamento: martedì 14/11/17 15:24

Ricercatori del Politecnico federale di Zurigo sono riusciti a trasformare cellule renali e adipociti (presenti nei tessuti adiposi) in cellule capaci di sbaragliare quelle cancerose.

La terapia basata su cellule immunitarie modificate (linfociti T) è nota, e la sua applicazione ha anche già permesso di salvare vite umane, ma gli effetti secondari possono essere pesanti e la procedura per la produzione è complicata. Il metodo messo a punto a Basilea dalla squadra guidata da Martin Fussegger, invece, pare riesca ad aggirare questi problemi.

Siamo però all’inizio della trafila, come s’avverte sulla rivista Nature Chemical Biology, e ancora non s’è andati oltre la sperimentazione su cavie animali. Gli studiosi implicati sono tuttavia ottimisti e si dicono convinti d’essere riusciti ad aprire una nuova breccia nella lotta contro il cancro.

ATS/dg

Seguici con